x
ServiziMenu principaleHome
Print
Home > ELEZIONI 2021 > Candidati > Dr. Carmine Pinto (Unità di Reggio Emilia)

Dr. Carmine Pinto (Unità di Reggio Emilia)

Dott. Carmine Pinto - Unità di Reggio Emilia
Direttore UO di Oncologia Medica, Clinical Cancer Centre, AUSL-IRCCS di Reggio Emilia
Presidente Federation of Italian Oncology Group (FICOG)


La ricerca rappresenta un importante risorsa per la sanità del nostro Paese. Anche l’attuale epidemia da COVID-19 ha dimostrato ancora una volta il ruolo e l’impatto a livello nazionale e internazionale della ricerca scientifica italiana. Rimangono importanti criticità in merito alle infrastrutture, al personale, alle risorse, alle normative e alla formazione che richiedono risposte non più rinviabili. Realizzare oggi, nel nostro Paese, una ricerca clinica che può anche essere altamente innovativa e con elevato valore scientifico significa superare difficoltà economiche, organizzative/gestionali, ma anche quelle legate alla complessità delle procedure autorizzative, che hanno un significativo impatto sia in termini di risorse sia per i tempi necessari per poterle affrontare. Ai ricercatori sono ben presenti il peso della documentazione richiesta dall’ Autorità Competente (AIFA o Ministero della Salute), ma soprattutto la necessità, per studi multicentrici, di ottenere l’autorizzazione da parte di tutti i Comitati Etici ai quali afferiscono i centri coinvolti, ottemperando a procedure e richieste di documentazione spesso eterogenee e ridondanti. Semplificazione, armonizzazione e velocizzazione delle procedure autorizzative sono diventate particolarmente urgenti e dovrà vedere l’impegno di GOIRC e della FICOG in tutti i tavoli istituzionali.

La mia attività nel GOIRC sarà finalizzata al rafforzamento organizzativo e allo sviluppo dei progetti di ricerca del nostro gruppo cooperativo, anche nell’ambito di una strategia condivisa con gli altri gruppi, nella prospettiva di una rete nazionale per la ricerca oncologica. In particolare ritengo centrale per il GOIRC l’implementazione e la strutturazione dei gruppi di ricerca per le diverse aree specifiche di patologia oncologia e per le aree che interessano globalmente l’Oncologia, quali la profilazione genomica, la validazione dei Patients Reported Outcomes (PROs), la valutazione della qualità di vita e l’informazione consapevole dei pazienti.

La gestione di una sperimentazione clinica sta diventando progressivamente sempre più complessa, tanto da richiedere competenze specifiche e multidisciplinari che comprendono non solo aspetti strettamente scientifici ma anche ambiti di carattere etico, normativo ed organizzativo. Tale evoluzione si traduce nella necessità di avere in organico diverse figure professionali, come Coordinatori di Ricerca Clinica/Data Manager, Infermieri di Ricerca, Biostatistici, Esperti in revisione di budget e contratti, Esperti attivi nei Grant Office e per il Technology Transfer, che si sono dimostrate in grado di migliorare la diffusione, le performance e la qualità della ricerca clinica.

In questa prospettiva è importante che il GOIRC sviluppi sia una formazione per l’aggiornamento delle competenze di professionalità già presenti e l’integrazione nel sistema di ulteriori figure in grado di interpretare le nuove dimensioni della ricerca, che una infrastruttura della ricerca favorendo anche un “salto digitale”. Tutto questo insieme permetterà alle singole Unità di intervenire attivamente e soprattutto di disegnare e di sviluppare progetti di ricerca che coinvolgano tutto il nostro gruppo cooperativo. In questa direzione dovrà essere implementata e favorita la comunicazione, l’informazione e la discussione all’interno delle Unità e tra le Unità del GOIRC, per una crescita di tutto il nostro gruppo e quindi della ricerca italiana.

Questo sarà nei prossimi anni il mio impegno che vorrei condividere con tutti i ricercatori delle Unità GOIRC.