x
ServiziMenu principaleHome
Print
Home > ELEZIONI 2021 > Candidati > Prof. Andrea Ardizzoni (Unità di Bologna)

Prof. Andrea Ardizzoni (Unità di Bologna)

Cari Colleghi e Soci GOIRC,

in vista delle prossime elezioni, desidero proporre la mia candidatura a membro del Consiglio Direttivo del GOIRC. Faccio parte di questo Gruppo Cooperativo da circa 20 anni avendo rivestito diversi ruoli tra cui quello di segretario, consigliere e coordinatore del sottogruppo di patologa toracica. All’inizio degli anni 2000 ho contribuito al rilancio del gruppo sviluppando in qualità di “principal investigator” diversi studi clinici GOIRC di cui alcuni già conclusi e pubblicati (es. Studio FAST BJC’12, GOIRC-NVALT JCO’12, SCLC AIFA-GOIRC JCO’17, NABSTER BJC’20) ed altri in corso (EDEN, CHANCE, CELEBRATE, DUPLE). Il GOIRC è stato il gruppo cooperativo italiano con il quale ho realizzato la maggior parte dei miei studi no-profit interventistici e così vorrei continuare a fare nei prossimi anni, essendo la ricerca clinica indipendente uno dei miei prioritari ambiti di attività. Guardo alla ricerca clinica indipendente come lo strumento attraverso il quale possiamo dare risposta a quesiti rilevanti per la pratica clinica e, soprattutto, per i nostri pazienti, che non sono oggetto degli studi profit. I prossimi anni saranno, per la ricerca indipendente, molto impegnativi e le sfide che ci attendono numerose. La complessità della ricerca clinica no-profit è sempre maggiore e richiede adeguata organizzazione, procedure operative specifiche e personale specializzato e dedicato, a supporto degli investigatori. La velocità di realizzazione, il rigore delle procedure e la qualità dei dati prodotti devono certamente migliorare ad allinearsi sempre di più a quelli degli studi profit. Una priorità che il gruppo GOIRC dovrà assolutamente affrontare è quella di allargare la base dei centri aderenti e attivamente partecipanti con il coinvolgimento di un maggior numero di oncologi che desiderino impegnarsi nella ricerca clinica no-profit. Mi piacerebbe che il nostre gruppo fosse considerato, soprattutto dai giovani oncologi che vogliono dedicarsi alla ricerca clinica indipendente, una casa dove trovare supporto e sostegno per lo sviluppo e la realizzazione delle proprie idee.

Sarà inoltre cruciale il reperimento di fondi pubblici e privati non-condizionati, il miglioramento degli accrual negli studi, la velocizzazione della realizzazione degli stessi e, soprattutto, il miglioramento della qualità complessiva dei nostri studi. Anche il numero degli studi dovrà aumentare ed essere indirizzato verso le principali patologie neoplastiche solide.

Su questi punti prioritari intendo impegnarmi nei prossimi anni, se verrò eletto nel consiglio direttivo del nostro gruppo

Andrea Ardizzoni